Home » News & info

News & info

Ispe rappresenterà l'Italia alla conferenza internazionale EHFCN

5 Novembre 2015 L'Italia sarà presente per la prima volta alla conferenza internazionale organizzata dallo “European Healthcare Fraud & Corruption Network” a L'Aia. A rappresentarla sarà l'Istituto per la promozione dell'etica in sanità (www.ispe-sanita.it). Il summit ha quest'anno come titolo: “Assicurare un'assistenza sanitaria sostenibile in Europa contrastando la corruzione, gli sprechi e le frodi”.

Un fronte che, stando ai dati contenuti nel “Libro Bianco sulla corruption in sanità” realizzato da ISPE, "brucia" ogni anno in Italia circa 23 miliardi di euro tra sprechi, inefficienze e corruzione. Il presidente di Ispe-Sanità, Francesco Macchia, interverrà al dibattito in cui saranno affrontate le modalità più innovative e originali per il contrasto della corruption. Saranno presenti componenti dei gabinetti dei ministeri della Salute del Belgio e dei Paesi Bassi; dirigenti degli Istituti di previdenza e sanità di Portogallo, Slovenia, Francia, Lussemburgo, Lituania e Belgio. Oltre alle presenze istituzionali prenderanno parte al summit medici, farmacisti e ricercatori universitari impegnati nel contrasto dei reati a danno della sanità. Tra i relatori ci sarà anche un rappresentante di Transparency International, partner di Ispe-Sanita per le attività organizzate in Italia.

“La nostra presenza all'appuntamento de L'Aia è un riconoscimento del lavoro svolto in questi anni nello studio del fenomeno e nella definizione di strumenti di prevenzione e contrasto al malaffare a danno della salute dei cittadini - sottolinea Francesco Macchia, presidente di ISPE Sanità - La conferenza olandese sarà utile per richiamare l'urgenza di interventi in grado di prevenire e contrastare un fenomeno dilagante, in Italia come nel resto del Vecchio Continente”.

Il nuovo Piano nazionale anticorruzione ha una sezione sulla sanità

Ottobre 2015 L'aggiornamento del Piano nazionale anticorruzione ha una sezione apposita dedicata al contrasto della corruzione in sanità. Una scelta che dimostra quanto l'Autorità presieduta da Raffaele Cantone ritenga importante combattere i reati a danno dell'amministrazione sanitaria.

A questo link è possibile scaricare il documento dell'ANAC: http://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/AttivitaAutorita/AttiDellAutorita/_Atto?ca=6314 

Alla Camera una risoluzione del Movimento 5 stelle ispirata dai lavori di ISPE

Settembre 2015

La Camera, 
   premesso che: 
    in Italia, nonostante si possano annoverare anche risultati di eccellenza, la spesa sanitaria è di dimensioni contenute, sia in rapporto assoluto che in rapporto al prodotto interno lordo. Il servizio sanitario nazionale ha dovuto subire negli ultimi anni, in piena continuità da parte dei Governi che si sono succeduti, una forte restrizione delle risorse, in termini finanziari, di personale e strutturali; 
    la crisi economica e le restrizioni operate sulla sanità pubblica, un vero «bancomat» nell'approccio del Governo, hanno pregiudicato e non poco le condizioni di accesso e fruibilità ai complessivi servizi sanitari sia di prevenzione che di cura, da parte della popolazione più svantaggiata e debole economicamente, aggravando di fatto le già persistenti disuguaglianze territoriali esistenti; 
    in particolare, nelle regioni soggette ai piani di rientro chiamate a contribuire alla riduzione della spesa si sono evidenziati effetti negativi sia sulla capacità di erogare servizi, sia sul funzionamento degli stessi; 
    i vincoli imposti alla spesa e alla dotazione del personale, in particolare il blocco del turn over, hanno di fatto indebolito il servizio sanitario in tutte le regioni, anche se con un peso diversificato da regione a regione, tanto che da più parti si chiede di introdurre elementi di flessibilità; 
    l'informatizzazione e le tecnologie digitali possono e devono contribuire non solo a migliorare l'integrazione dei servizi ma anche a garantire sempre più la trasparenza delle informazioni, anche in relazione alla gestione del servizio sanitario nazionale. Da questa innovazione i benefici attesi secondo recenti studi potrebbero produrre, anche nel breve termine, un risparmio annuo di circa 6 miliardi di euro di spesa sanitaria, migliorando al contempo i livelli di assistenza, da qui la necessità di procedere all'attuazione integrale dell'articolo 14 del patto per la salute; 
    in Italia pochi dati possono rendere meglio di tante parole quale è stata l'incidenza della riduzione delle risorse: nel 2012 la spesa sanitaria complessiva sia pubblica che privata è scesa al 9,2 per cento, mentre nel 2009 era del 9,4 per cento; la spesa sanitaria continua ad essere soggetta a riduzioni; infatti dai 112,5 miliardi di euro del 2010 si è giunti ai circa 109 miliardi di euro nel 2013; 
    il documento di economia e finanza del 2015 prevede una riduzione della spesa sanitaria al 6,8 per cento nel 2015 per arrivare al 6,5 per cento del prodotto interno lordo nel 2019. Non bastasse questo si è previsto un taglio di circa 2,3 miliardi di euro al Fondo sanitario nazionale a decorrere dal 2015; 
    il decreto-legge n. 78 del 2015 ha rivisto l'elenco di visite ed esami a carico del servizio sanitario nazionale, con il risultato che il 12 per cento delle prestazioni (208) oggi gratuite saranno mutuabili secondo le condizioni del paziente, limitando di fatto i medici nella loro attività al fine di evitare eventuali sanzioni per la violazione del nuovo criterio di appropriatezza; 
    si assiste, inoltre, al fatto che le regioni risparmiano più di quanto loro richiesto dalle manovre di finanza pubblica questo per evitare di essere loro a dover coprire le spese in eccesso e da questo deriva una pesante ricaduta sui cittadini; 
    il Governo ha affermato che non si tratta di tagli lineari ma di razionalizzazioni che produrranno maggiore efficienza ed efficacia del servizio sanitario nazionale; appare evidente che se i risparmi derivassero dalla lotta agli sprechi e ai privilegi, dall'applicazione omogenea di costi standard e dalla centralizzazione acquisti e se questi restassero nelle disponibilità del servizio sanitario nazionale, si potrebbe ipotizzare, ad esempio, il rinnovo dei contratti del personale sanitario e lo sblocco del turn over, il finanziamento dell'informatizzazione effettiva dell'intero servizio sanitario nazionale, l'aumento delle risorse per il fondo non autosufficienze, il finanziamento del piano per la disabilità e lo sviluppo della rete territoriale dei servizi; 
    in campo sanitario si pone la necessità di una maggiore attenzione verso le misure da attuare nel settore socio-sanitario, in particolare relativamente al sostegno alle persone disabili, soprattutto al fine di attuare il programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l'integrazione delle persone con disabilità (in particolare la linea di intervento 1) adottato dal Consiglio dei ministri nel novembre 2013 e mai finora finanziato in alcuna delle parti che lo compongono; 
    la prima relazione dell'Unione europea sulla lotta alla corruzione, pubblicata il 3 febbraio 2014 indica l'Italia tra i Paesi in cui il fenomeno è più grave, tanto che il giro degli affari relativo alla corruzione nel nostro Paese è valutato in circa 60 miliardi di euro l'anno; la stessa guardia di finanza nell'ultimo rapporto ha evidenziato nella sanità pubblica un danno erariale accertato di circa 800 milioni di euro nel solo primo semestre 2015; 
    dalle stesse citate indagini della guardia di finanza condotte in 18 regioni emerge che solo 83 dirigenti della sanità hanno prodotto un danno erariale di 6 milioni di euro, evidenziando così come anche il sistema di nomina politica e valutazione incida sullo sperpero di risorse pubbliche; 
    la riforma del citato titolo V della parte II della Costituzione ha di fatto complicato l'attuazione dei costi standard e della centralizzazione degli acquisti, che ad oggi non trova ancora rapida ed efficace applicazione. Non esiste giustificazione alcuna per cui un presidio sanitario di uso comune debba avere differenze di prezzo, anche nella misura di cinque volte, da una regione all'altra. Sistemi europei di centralizzazione degli acquisti per la pubblica amministrazione sono attivi da anni e hanno dimostrato di essere il metodo più efficace e rapido per ridurre la spesa per garantire la qualità dei prodotti sanitari. La mancata applicazione in Italia di tali processi, anche a causa delle reticenze delle regioni e degli enti locali, determina uno sperpero di denaro pubblico ingiustificabile, che deve al più presto essere interrotto; 
    in realtà, la contrazione delle risorse ha prodotto una offerta sanitaria pubblica che ha ridotto i posti letto, ha reso le condizioni degli operatori sempre più difficili a fronte anche di una anzianità di servizio sempre più elevata, ha ridotto i servizi e ha spinto o indotto chi poteva economicamente a rivolgersi ai servizi privati, che non a caso sono in aumento, e questo comporta anche un travaso di risorse pubbliche a privati convenzionati; 
    nel 2013 l'11 per cento della popolazione ha dichiarato di avere rinunciato ad almeno una prestazione sanitaria mentre il 5,6 per cento ha dichiarato che la rinuncia era dovuta a motivi economici. Di fatto almeno tre milioni di italiani hanno evitato il ricorso all'assistenza sanitaria per motivi economici in particolare nel Sud e nelle isole; 
    nelle stesse regioni con piani di rientro aumentano le persone che pagano per intero gli accertamenti sanitari proprio dove l'offerta di servizi ha subito maggiori limitazioni e la compartecipazione dei cittadini è più elevata; 
    lo stesso project financing che consiste nel coinvolgimento di soggetti privati nella compartecipazione ai costi per le opere pubbliche, in particolare nella sanità, rappresenta una voragine sulla quale intervenire in quanto tali interventi non lasciano di fatto traccia nei bilanci pubblici, non risultando né tra gli investimenti, né tra i debiti che addetti ai lavori con stime prudenti quantificano come indebitamento implicito per decine di miliardi di euro,

impegna il Governo:

   a prevedere il superamento effettivo della riduzione sistematica delle risorse destinate al servizio sanitario nazionale e del taglio delle prestazioni da erogare attraverso le seguenti iniziative: 
    a) condurre a termine, entro la prossima legge di stabilità, l’iter di attuazione dei costi standard e della centralizzazione degli acquisti, uniformando le spese e la variazione dei costi per l'acquisto e la fornitura di dispositivi, farmaci ospedalieri, materiali, apparecchiature e servizi in ambito sanitario; 
    b) ritirare la tabella recante le condizioni di erogabilità delle 208 prestazioni specialistiche, e le sanzioni economiche previste per: medici al fine di procedere alla definizione di un programma nazionale e di linee guida per la promozione dell'appropriatezza, di concerto con le regioni, con le società scientifiche accreditate, le associazioni dei cittadini e dei pazienti e le competenti Commissioni parlamentari, sentite l'Agenas, l'Istituto superiore di sanità e l'Aifa; 
    c) prevedere che i risparmi derivanti dalla spending review in ambito sanitario e socio-sanitario vengano reinvestiti esclusivamente nell'ambito del servizio sanitario nazionale al fine di ampliare ulteriormente i servizi erogati ai cittadini dal comparto sanitario; 
    d) emanare provvedimenti efficaci e sistematici volti a prevenire i meccanismi e le prassi amministrative che favoriscono l'insorgenza di fenomeni di corruzione che incidono o determinano condizioni di inefficacia e inefficienza nell'erogazione dei servizi di tutela della salute, nonché gli sprechi di risorse pubbliche, in particolare in relazione alla gestione delle aziende sanitarie locali; 
    e) rendere trasparenti le forme di utilizzo delle risorse pubbliche, nonché dei pagamenti effettuati, dando concreta attuazione alle normative già esistenti in favore della trasparenza, in particolare al decreto legislativo n. 33 del 2013, che si focalizza sulla pubblicazione onlinedelle informazioni in possesso delle pubbliche amministrazioni; 
    f) completare il programma di informatizzazione del sistema sanitario nazionale previsto dall'articolo 14 del patto per la salute, entro e non oltre le scadenze programmate dall'Agenda digitale, con particolare riferimento al fascicolo sanitario elettronico, alle ricette digitali, alla dematerializzazione di referti e cartelle cliniche e alle prenotazioni e pagamenti online
    g) ai fini della effettiva razionalizzazione ed efficacia della spesa sanitaria, intraprendere il processo di sperimentazione del SOCC – strumento operativo di controllo sviluppato dall'Istituto per la promozione dell'etica in sanità (ISPE) –, o comunque di qualsiasi altro modello gestionale analogo messo a punto da équipe indipendenti di esperti nel settore da sviluppare e applicare anche in via sperimentale, inizialmente anche solo in talune regioni selezionate; 
    h) verificare gli effetti, soprattutto in termini economico-finanziari, dell'utilizzo del cosiddetto project financing per l'edilizia ospedaliera, e promuovere la riforma del citato istituto al fine di prevenire il dilagare di fenomeni corruttivi e lo spreco di risorse a danno della finanza pubblica connessi alla sua applicazione; 
    i) provvedere tempestivamente, in seno alla Conferenza tra Stato, regioni e province autonome di Trento e di Bolzano, alla revisione del patto per la salute 2014-2016 nella parte in cui all'articolo 6 «Assistenza socio-sanitaria», ai commi 1 e 2, sancisce una ingiustificabile limitazione alla erogazione degli interventi relativi alla non autosufficienza, alla disabilità, alla salute mentale adulta e dell'età evolutiva, alle dipendenze, all'assistenza ai minori (...) nei limiti delle risorse programmate per il sistema sanitario regionale; 
    l) promuovere la riforma della normativa che disciplina il processo di nomina e valutazione dei direttori generali delle aziende sanitarie tenuto conto dei sistemi «checks and balances»; 
    m) al fine di produrre risparmi della spesa pubblica, intraprendere la riforma delle modalità di accertamento dell'invalidità, in particolare eliminando o riducendo inefficienze e iniquità, tramite l'introduzione in sede di verifica, degli standard ICF (International classification of functioning, disability and health), come previsto dalla linea di intervento 1 del programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l'integrazione delle persone con disabilità adottato dallo stesso Governo; 
    n) promuovere, per quanto di competenza, anche di concerto con la Conferenza delle regioni, la semplificazione e l'attuazione delle procedure di mobilità interregionale del personale sanitario in relazione alle piante organiche e alla garanzia di assicurare i livelli essenziali delle prestazioni in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale; 
    o) garantire, per quanto di competenza, che la riduzione delle auto di servizio blu o grigie, in particolare nell'ambito del servizio sanitario nazionale, sia attuata senza ulteriori azioni dilatorie tese a mantenere un inutile privilegio oneroso per la finanza pubblica e dal quale potrebbero derivare risparmi per centinaia di milioni di euro. 
(1-01009) «Di Vita, Grillo, Baroni, Colonnese, Silvia Giordano, Mantero, D'Incà».

I deputati del Movimento 5 stelle citano lo studio ISPE sulla corruzione

28 settembre 2015 Rapporto Guardia Finanza, danni erariali di 800 mln euro nel primo semestre 2015 Milano, 28 set. (AdnKronos Salute) - "Il rapporto della Guardia di Finanza, che stima i danni erariali nei confronti della sanità in 800 milioni di euro nel solo primo semestre 2015, certifica che sprechi e corruzione continuano a dilapidare le casse pubbliche e il comparto salute - sostengono i deputati del Movimento 5 stelle in commissione Affari sociali, commentando il rapporto delle Fiamme gialle - Per realizzare un serio programma di razionalizzazione e risparmio, Governo e partiti dovrebbero aggredire alla radice questi fenomeni ma, invece, preferiscono adottare tagli orizzontali, penalizzando i cittadini. Tanto per intenderci, l'inaccettabile decreto sull'appropriatezza prescrittiva determinerà un risparmio per le casse dello Stato di 108 milioni. Una cifra risibile rispetto ai numeri appena citati". Gli esponenti del Movimento continuano ricordando che "secondo l'Ispe", l'indicatore di situazione patrimoniale equivalente, "complessivamente il giro d'affari legato alla corruzione in sanità ammonta a 5-6 miliardi di euro. Di fronte a questa emorragia economica e di legalità, il Governo non sta adottando alcuna misura di forte contrasto e, anzi, i partiti fanno ostruzionismo nei confronti di chi, come noi, vuole vederci chiaro. La nostra proposta di legge per l'istituzione di una commissione di inchiesta sulla corruzione in sanità, infatti, è stata totalmente insabbiata dal Pd e dagli altri partiti - continuano i deputati - Evidentemente non vogliono che andiamo a guardare in profondità all'interno di un sistema di corruzione nel quale la politica gioca un ruolo di primo piano". (Stg/AdnKronos) 28-SET-15 18:20 NNNN

Rapporto choc della Guardia di Finanza. Boom di dipendenti pubblici corrotti

Settembre 2015 Secondo un rapporto choc della Guardia di Finanza nei premi sei mesi del 2015 i dipendenti pubblici infedeli e corrtti  avrebbero causato un danno all'erario superiore ai 3 miliardi di euro. Le Fiamme Gialle - come del resto già evidenziato dalle nostre ricerche - spiegano che la sanità pubblica è uno dei settori più esposti al malaffare. Serve un piano per prevenire e combattere i reati contro il Servizio sanitario nazionale. Oggi anno permettiamo che miliardi di euro vengano sperperati impunemente. Un lassismo che porta poi all'applicazione dei tristemente famosi tagli lineari. Quanto dovremmo aspettare per vedere emanate delle contromisure?

ETICA & SANITÀ

partner di

partner di - ETICA & SANITÀ